martedì , 24 ottobre 2017

Home » Poesia » L’onne dò mare

L’onne dò mare

proprio addo’ furnesce ‘a spiaggia
c’e’ sta’ ‘nu muro fatt’ ‘e prete
ca spart’ ‘o mare da strada.
ogn’ann’ ca ce torno,
o trovo sempe cchiu’ scavato…
…so ll’onne do mare,
ca quann’ tenene forza
arrivano fino a n’copp’ ‘a strada.
io me so miso a guarda’
comm’esse fanno…
mentre una sta’ p’ arriva’
quase sott’ ‘o muro
le mancano ‘e forze,
e sta’ pe se ne turna’
n’ata vota a mare,
ma nata grossa areta
c’arriva cchiu’ vagliarda,
votta pure a chesta
n’ata vota annanze,
e anno doppe anno
s’ho stanno rusecanno!
accussi’ fanno ‘e cursigliste,
comme ‘a l’onne do mare!…
arrivano chille do primmo,
do sicondo, do terzo…
e pare comme s’o vulessero magna’
‘stu muro fravvecato cu l’indifferenza,
ca e’ cchiu’ tuosto ‘ e chillo fatto ‘e prete.
ma cierti vote, se scuraggiano
e stanno pe lassa’..
ma po, chille do quarto,
do quinto… chille dell’ennesimo,
arrivano cchiu’ caricate
da chella forza ca sulo ‘o cursiglio sape da’
e vottano chill’ ‘e primme
n’ata vota annanze.
‘stu muro, addo’ arete stanno annascuse
l’ipocrisia, l’orgoglio, l’interesse,…
chianu, chianu,
o stanno a scarrupa’
e doppo, sulamente doppo
se ponno arrepusa’!


Le onde del mare
Proprio dove finisce la spiaggia
vi è un muro fatto di pietre
che separa il mare dalla strada.
Ogni anno che ci ritorno
lo trovo sempre più consumato…
sono le onde del mare…
che quando ne hanno la forza
arrivano fino alla strada.
Mi sono messo a guardare
e penso a come fanno…
Quando una arriva
quasi addosso al muro,
le mancano le forze
e sta per rientrare nel mare
ma un altra grossa da dietro
arriva più forte
e la spinge ancora avanti,
ed anno dopo anno
lo stanno consumando.
Così fanno i Cursillisti,
sono come le onde del mare…!
Arrivano quelli del primo,
del secondo, del terzo…
e sembra quasi che vogliono mangiarlo
questo muro impastato dalla indifferenza
che è più duro di quello fatto di pietre.
Ma a volte, si scoraggiano,
e stanno per abbandonare,
ma poi, quelli del quarto,
del quinto, dell’ennesimo…
arrivano più carichi
di quella forza che solo il Cursillo può dare,
e spingono oltre quelli di prima
ancora una volta avanti.
E questo muro, dietro cui si nascondono
l’ipocrisia, l’orgoglio, l’interesse..
piano, piano,
lo stanno distruggendo
e dopo, soltanto dopo,
potranno riposarsi.
Giovanni Landolfi
scroll to top