sabato , 17 novembre 2018

Home » Spiritualità » Le Poesie di Padre Tommaso

Le Poesie di Padre Tommaso

 LA BARCA DI PIETRO (Luca 5,1-11)

Vorrei essere come la barca di Pietro,
ormeggiata alla riva del lago
in attesa del tuo arrivo, Signore.
sempre pronto ad essere sciolto
e lasciare la riva.
Vorrei essere come la barca di Pietro,
dopo una notte di inutili sforzi,
attendere ancora Qualcuno bisognoso di me.
Pronto a farmi sciogliere l’ormeggio:
il Maestro mi chiede un appoggio.
Vorrei essere come la barca di Pietro,
ha bisogno di essere rassettata e lavata
ma Gesù chiede di staccarmi da riva.
devo staccarmi un po’ da terra,
ha bisogno di me per parlare alla gente.
Vorrei essere come la barca di Pietro,
Il Signore vuole poggiarsi su di me,
anche se sono sporco e puzzolente.
Voglio farmi calpestare dal Maestro,
Egli ha bisogno di me per parlare alle folle.
Vorrei essere come la barca di Pietro,
disposto a prendere ancora il largo
dopo una notte di inutile sforzo.
Benché stanco e assonnato
Sempre pronto al tuo invito, Signore
Vorrei essere come la barca di Pietro,
testimone paziente e silenzioso
di una pesca miracolosa,
che rischia di affondare
per l’abbondanza dei pesci pescati.
Vorrei essere come la barca di Pietro,
anche se non potrò più prendere il largo,
sono sicuro, Signore, anche vicino alla riva,
avrai ancora bisogno di me.
(Padre tommaso Maisto)

SEI GRANDE, DIO!

Quanto sei grande, Signore Dio!
di cielo in cielo risuona il tuo nome santo;
negli abissi degli oceani immensi si avverte la tua presenza.
Sei Tu che alimenti i pesci e sfami gli squali,
sul volo degli uccelli e i giochi dei pesciolini fissi lo sguardo.
Anche la terra del tuo nome è piena
e tutte le lingue parlano le tue lodi.
Tu sei il Dio di tutti, anche di quelli che non ti riconoscono
o che hanno il cuore rivolto altrove.
Dall’eternità ami tutti indistintamente,
dimenticando i torti che ricevi ad ogni istante.
L’universo intero è pieno delle tue impronte.
Se guardo il cielo Ti vedo splendere nel sole e
nel bagliore della luna ammiro la tua presenza.
Alla volta del cielo hai appeso le stelle
e come lanterne nelle notti buie le tieni accese,
guidando il cammino di chi fissa il cielo.
Ma, chi sono io, che tanto ti curi di me?
Spesso mi dimentico di Te, mentre Tu sempre provvedi a me.
Grazie, mio Dio e Signore!
Nell’universo, così grande e bello
ci ha fatto di poco inferiori agli angeli,
ma solo a noi hai affidato ciò che hai creato, sempre pronto a riparare i danni da noi causati.
Quante cose belle ci hai donato!
le farfalle, i bruchi e gli uccelli;
la scimmia, il cane e il pappagallo.
Le cose che hai creato son tutte belle.
Tutta una vita per ringraziarti non basterebbe,
ma una cosa sarà possibile farla:
testimoniare a tutti il tuo amore grande.
(Padre Tommaso Maisto) –Pime- 05 agosto 2018

INCONTRARSI PER CASO

Ci siamo incontrati per caso,
subito ho avvertito di stare bene con Lui,
da tempo cercavo uno come Lui.
Abitava non lontano da me,
l’avevo intravisto qualche volta,
m’era apparso ch’era in cerca di me.
Ora sento che non posso fare a meno di Lui.
Egli ha tanti impegni, differenti dai miei.
Anch’io ho i miei impegni che non corrispondono ai suoi.
Un giorno Egli mi ha detto:
“ lascia le tue passioni fasulle, scegli le mie;
solo, avendo passioni comuni alle mie,
nell’incontrarci, avremo più cose da dirci ”.
Egli ogni giorno s’aspetta
che arrivi da me una risposta.

 

PROGETTI DIVERSI

Tu, o Signore, mi dici di pregarti;
tutto mi darai, se te lo chiedessi,
ma quando vengo da Te non so cosa dirti.
Quello che vuoi darmi forse a me non interessa,
neppure Tu puoi darmi ciò che io voglio,
ciò che è umano non fa parte del tuo bagaglio.
I miei progetti non sono i tuoi;
io so chiederti solo cose umane.
Insegnami Tu a divinizzare
tutto ciò che in me c’è di umano.
Aiutami a capire che per amarti
bisogna avere progetti comuni ai tuoi.
Progetti diversi dai tuoi
favoriscono umani interessi.
Per amarti bisogna trasformare in divini
i miei interessi diversi.
Sono umano, non sono divino,
ma Tu hai detto, che se io volessi,
anche un miracolo faresti per me.
Solo Tu puoi insegnarmi a trasformare in divino
ciò che di umano è dentro di me.

AMORE IMPOSSIBILE

Se guardo al cielo Ti vedo troppo lontano da me,
se mi guardo attorno, vedo solo gente come me,
e nessuno assomiglia a Te.
Ti voglio bene infinitamente,
ma non riesco mai a comunicare con Te,
come Tu vorresti da me
Quante cose vorrei dirti, ma non ci riesco,
perché mi sento troppo lontano da Te.
Vorrei dirti tutto ciò che ho dentro di me,
ma tu già lo conosci meglio di me.
Sembra un amore impossibile
quello che Tu vuoi da me.
Giacché non riuscirò ad arrivare fino a Te,
perché non scendi Tu di nuovo e
provi a restare per sempre qui con me?
Forse pretendo troppo, dimenticando tutto ciò che hai già fatto per me.
Tu già sei sceso fino a me,tuttavia alle volte non ti vedo quando cammini insieme a me.
Fatti vedere anche quando non c’è luce dentro di me.

SIGNO’,Te vulesseme ringrazià

Signò! nuje sapimme che Tu ci vuò bene a tutt quant;
Te vulesseme ringrazià pe’ tutte e’cose che ce dai.
Pe’ Te simme state criate e Tu pure ‘a vita toia ce rate.
Sapimme ca ce’ vuòi bene assaie
e fai cu nuje comme fa nu pate p’ ’e figli che tene care.
Ma!… guarda buono, forse na svista hai pigliate:
nuje nun simmo comm Tu piense,
quann meno t ’aspiette ti facimme perdr ‘a pacienza.
Penso che pure o Pate eterne te l’ha ditt:
“a chiss nun ce puo’ dà ‘a mano diritta;”
ma Tu, dopp ca ti si fatto ‘e cunt tuoi, hai ditt:
nun fa niente si so fetienti,
io ‘e voglio bene pe’ senza niente.
(Padre Tommaso Maisto) Pime

SÒ CUNTIENT

Tengo l’anni e, pure cu’ tant malann so cuntiente averamente.
Vulesse fà capé tutt quant quant’è bello crerere a chell che nun se vere ancora,
ma dinto all’anima sì sicuro ch’è troppo bello.
Fino a quanno ce campammo sempe spine truvammo,
‘e vote pare che camminammo into a nu’ jardino e piante rasse
e pe’ viarelle achiene ‘e ciure, profumate e belle.
Si nun guardammo buono addò mettemme è piere o addò allungammo ‘e mani
ce n’ascimmo sulo cu ‘e pungul dinte ‘e dete e manco nu ciore ‘mmano.
Quante patienze ‘ncuntrammo tutt ‘e juorn,
chilli sò punguli che stanno attuorno a tanti ciure belli.
Commo è bell appurà doppo tanto tiempo,
che inta a tutt chello ch’hai passato e tu l’ei pigliate pe’ munnezza
tante ranelle ‘oro stanno accumparenne.
C’imma sta accorta a cerca pure into ‘e spine ‘e tutt ‘e juorne
chelle cascagglie è oro che sempe ce stanno.
‘Mmieze a tante cose che nun tenene valore
ce stà sempe quaccosa ‘e buono.
Vulesse sapé chi me sta danno tanta cuntantezza,
pure quanno me pare che stò natann into nu mare e cose brutte.
A risposta ‘a trovo int ‘o core mio stesso
e ghiè sempe ‘a stessa:
Sul’Isso me vò tanto bene e po’ fa chesso.
(Padre tomaso Maisto) Pime

VULIMMECE BENE

Quant’anni sò passate a quanno l’uno cu’ l’ate 
annanzi ‘o Pate eterno nu bello Si ce dicetteme!
Eva essere n’ammore eterno, e mò ce stammo addunanno
che se nun ce stammo accorta tenimmo sulo pochi juorni.
Pare che ‘o facimmo apposta, quanno pigliammo ‘o piccio,
tutte ‘e situazioni, l’amici e ‘e pariente cchiù stritti
addivennene nu ‘mpiccio.
Ma c’imma mai pensato che, accussì facenno,
chill’ammore che nui duie ci’ accucchiaie ‘o perdimmo?
e ‘a pretenzione che ‘mpietto a nui ce criscimmo ce spartuglia?
L’imma furnì ‘e piglià ogni pilo pe’ na trave
E, si tenimme ‘e recchie toste e a vista corta,
nu belle pare ‘e lente ci mettimmo e ‘e recchie ce spilammo.
Sulo tenenne ‘e sintimente buoni,
n’arrischiammo ‘e scagnà ogni perete pe’ na tronala.
‘E vote ‘a situazione pare fatta apposta
e si l’ammore e ‘a fede nun è tosta
tutto chello che po’ venì dopp caro ce costa.
L’ammore è ‘a cosa cchiù bella che nui tenimmo,
Chello che ‘o pate e ‘a mamma tenene, chello ‘e figli ce danno,
ma, si l’ammore nun ‘o tenene, sulo ‘e sorde a niente ce valene.
Se nun te stai accorta, ogni pilo te paré stuorte
E, si nun ‘o suppuorte, te po’ paré ‘a ‘ccasione iusta
pe fà ‘ntuppà tutti ‘e nurechi into ‘o pettene.
Quanno l’uno o l’ate s’ntomma,
’o ‘cchiù diritto fesso adda diventà si ‘e caurarelle vò accuncià
e ‘a famiglia vò salvà.
Chesta è n’epoca strana:
so’ cchiù ‘e famiglie che se scassano, che chelle che s’acconciano.
Che ce putimmo fa? nui dicimmo.
Quanno ‘e cose vanno stort ognuno sul’isso nun ci ’arriesce,
allora addà i a do Isso, che sta a copp e ci capisce;
sulo cu l’ammore suoie ci’ unisce.
(padre Tommaso Maisto) Pime

SIA FATTA ‘A VULUNTÀ TOIA

Quanno nun putimmo fà a’ capa nosta
niente a dicere ce costa:
“sia fatta a’ vuluntà do Dio nuosto”.
Dicenno chesto,
ce mettimmo subito ‘a cuscienza a posto.
‘A ‘rraggia, se nun te staie accorta,
nun se stuta facilmente e addevenne sempe cchiù forte:
“pecché addà vencere sempe isso, pure quann ave tuorto”?
Pò t’accuorge, dicenno ‘o Padre nostro,
che a vuluntà do Dio nuosto
se po’ fà sulamente, perdunanno a chi ave tuorto.
(Padre Tommso Maisto) Pime

A BELLEZZA

Nisciun è bell sule pe’ isso stess, 
si quaccuno averamente s’o creress, 
o è patute ‘e capo o è nu fess.
Chill che tene ‘e cerevell ‘a post
fa tutto p apparé bell all’uocchi ‘e l’ate;
pure o scarrafone s’allicca ‘e scell
p’apparé bell mamma soia.
A bellezza a fann l’uocchi che t’ stann guardann.
Quann tiene cient uocchi che te stann spiann
te crire belle pure si fuss’ n’ngiule senza scelle.
Si te fai belle e nisciune te guarda
Te sient brutt immediatamente.
L’uocch che ce guardene commo nuie guardamme
ce ‘mpressionano averamente.
Ma ce sta n’uocchio che ce guarda e nun ‘O verimmo,
sul’ Chill ce vo bene averamente e ce spia continuamente
Sulo a cchill’uochio imma paré bell,
fossimo pure ‘cchiù nir’ e nu’ scarrafone senza scelle.
(Padre Tommaso Maisto

‘A MADONNA T’ACCUMPAGNA!

Na vota quanno nu figlio asceva ‘e casa salutava
e ‘a mamma: ” ’a Madonna t’accumpagna “rispunneva.
Ogni vota c’asceva ‘o stesso saluto sa usava.
‘E vote capitava che, cammenanno cammenanno
chillo figlio quacche ‘ndruppeco truvava
e, carenne, se rumpeva ‘nfronte.
Turnanno’a casa c’a capa rotta,
a mamma c’a Madonna s’allamentava
pecché ‘o figlio suoio nun l’eva accumpagnato.
Jenne e verenne, ‘a Madonna ‘o vuleva accumpagnà,
ma pe’dò jeva isso,
‘a Madonna nun puteva passà pure Essa.
Padre Tommaso Maisto-Pime Ducenta

PADRE NOSTRO IN NAPOLETANO

Dio e Pate nuost, che stai ‘ncielo,
oji e p’ semp ‘ncoppa terra‘o nomm tuoie b’n’ricimm.
Ca Grazia che Tu c’ dai e, facenn ‘a vuluntà toia, c’ santificamm e,
p’ tutt’o munn ‘o Regn tuoie purtamm.
‘O pane ‘e tutt e jiuorn nun c’ fa mai mancà,
Comme Tu perduon’ a nuje,
dacce ‘a forz’ pur’ a nuje e p’rdunà.
Alluntanaci da tentazione e scansaci a tutte ‘e mali-
(Padre Tommaso Maisto) Pime

DDIO, CRIATORE NUOSTO

Ddio che è ‘o Pate nuosto a uno a uno ce ha criate, uno doppo a n’ato.
‘O primmo che ffacette, pe nnomme Adamo ce mettette.
Pe fa’ na cosa accussì ggranne e bbella tanto ammore ce vulette,
p’o Figlio suoie ‘o ffacette e ’a grazia soia ce dette.
Tantu bbene ce vulette ca pure a isso pe ffiglio se tenette.
Tutto a isso ce dette e‘mmieze a nu jardino, chino ‘e ogni bbene ‘e Dio, ‘o mettette.
’O povero ommo teneva l’ammore d’ ‘o Pate eterno,
ce steva pure ‘o Figlio che cu ll’ommo eva spartuta ‘a parte soia,
ma era sulo Ddio e ancora addo nuie nun era nato comm’ ommo,
po’ teneva tutte ll’animale ca nun avevano niente a cche ffa’ cu ll’ommo.
 fine d’’e cunti, c’’o Pate nun puteva parlà, ch’era troppo ‘mpignato a gguvernà ‘o munno,
c’’o Figlio manco era cosa, nun era ancora nato a chistu munno
e ppoco ne capeva quanno ce parlava ‘a ommo,
cu ll’animale, punto e ppeggio, manco cu ’a scigna riusceva a ffa’ nu ragiunamento ‘a ommo a ommo.
‘O povero ommo quase na depressione ce veneva,
a chilli tiempe manco nu psicologo esisteva.
‘O Figlio s’accurgette, pecchè ggià pe ll’umanità eva accuminciato a se mpignà.
‘O Pate eterno n’ommo l’eva ggià criato e ‘a criazzione era fernuta.
‘E fierre l’êva arricittate, nun era pussibbele accumincià d’ ‘o capo.
‘O figlio a ‘o Pate ‘o ddicette ‘o stesso, caso mai na soluzzione tenesse.
‘O Pate eterno comm’ ‘o sapette nun ce pensaje doje vote,
e ‘o juorno doppo â matina ambressa, primma che ll’ommo se scetasse
‘a copp’ô core na custatella ce levaje e ccomm’ a primma accunciaje ‘e pressa,
mettenno tuttecose apposto, primma che sse scetasse.
Quanno ll’ommo se scetaje, ’o dulore nun ‘o sentette,
ma ‘a pressione ‘int’ô core subbeto ce sagliette,
verenno ‘e fronte a isso n’ata criatura bbella comm’ a Isso.
Ma addò è asciuta chesta? dicette isso,
nun m’aspettavo nu rialo bbello comm’a chisto!
Chesta si che è carne da carne mia stessa, sulo nù Pate comm’a ‘o Dio nuosto
me puteva fa’ nu rialo accussì ggruosso.
Tant’era ‘a cuntantezza ‘e ll’ommo quanno verette a Eva
che ‘o core quase d’ ‘o pietto se n’asceva.
Sulo allora s’accurgette d’ ‘a custatella ca ce mancava,
ma ‘o vvacante nun ce pareva, era tutto chino d’ammore pe Eva.
Ê ll’ommo s’annasconne, pecché se mette scuorno
‘e fa’ vedé quantu vvacante ‘int’a ‘o core tene.
Abbastarria ca d’ammore l’arignesse e nnisciuno ‘e niente s’accurgesse.
Padre Tommaso Maisto-Pime

AMMORE VRACE

Pure si putesse parlà e lengue e tutto o munno:
chelle ‘e l’angiuli, dei cristiani e pure quelle ‘e l’animali, se a natura m’o permettesse,
senza l’ammore vrace nisciune me venesse appriesse.
Saria commo na campana che sona sona, ma nisciuno a sentesse.
Si annuvinasse commo a zengara, guardanno a mano da gente
e cunuscesse tutte e secreti misteriuse ‘e chistu munno
e po’ tenesse ‘a fede ‘e tutte sante ‘e chill’ate munno,
saria o cchiù miserabile ‘e tutto o munno
se l’ammore vrace non ‘o tenesse manco ‘nfunno.
Putesse pure fa mangià a tutti chilli ch’ abbisognassere
e se m’addimannassero, pure a pelle arrostere mi facesse,
ma tutto chesso a niente mi valesse, se Ammore vrace nun tenesse.
Si chesso Ammore vrace vulite sapé comm’ è cumposto,
mò vo dico cu’ parole fatte apposta:
l’Ammore vrace è pacinziuse e buono ‘e core,
nun s’avanta mai, è diritto assai, pure si ‘e vote fesso te pare,
pecché chi tene l’Ammore vrace pure a chesso s’à ’assuggettà.
Nun s’abboffa,nun fa niente p’isso stesso,
‘e tutti s’interessa pe’ senza niente commo nu fesso,
sempe primmo vene ‘a gente dopo ven’isso .
‘E cose storte che l’ate fanno ‘e vede ò stesso,
ma suupporta ogni cosa e tutto se crere commo niente fosse,
pensa sempe che chello che tene commo nun ‘o tenesse
e niente ci appartenesse.
Tutto chello che ‘ncoppa stu munno t’appartene
a niente te serve si l’Ammore vrace nun t’amparato a cunoscere.
Padre Tommaso Maisto-Pime

AUMMARIA

AummarIa! accussì dicette l’angelo quanno n’ambasciata te purtaie. 
Chi o’ mannava è accussì grann che,
pure si int o’ core tuoie ‘n ce capeva,
piccirillo se facette e tutta d’ammore t’arignette.
Pe fa quello che facette, o cunsenso tuoie ce vulette
E Tu a vuluntà soia faciste, e nu bello Si ci dicisti.
Chillo che o core t’arignette
pe sempe ‘nsiemme a Isso beneretta te facette.
Mò, nun sulo Maria te chiammammo,
ma santa e mamma d’ò Dio nuosto t’acclamammo.
Na cosa te dicimmo, nui sempe peccature simme,
E nata cosa te cercammo,
che a mò, a quanno murimmo,
sempe, cu nui, ‘nsiemme c’ o Fglio tuoie, Te tenimmo.
Padre Tommaso Maisto-Pime

QUANN VULIMM, ‘O TIEMP ‘O TRUVAMMP

ogni cosa ce vò ‘o tiempo suoje, pure l’anaconda nfaccia ‘o caimano ricett:
“damm ‘o tiempo ca t’igliott”,’o caiman nchiurett l’uocch, l’anaconda subt s’o gliuttett.
Quanno nun tiene voglia ‘e fa’ na cosa, subito ce sta na scusa:
“aggia furnuto ‘o tiempo; nun tengo cchiù tiempo”;.
Aspettammo che vene ‘o bon tiempo e passa ‘o maletiemp.
Pigliat nu poco e tiemp ca,quanno t’arriva ‘a vena, pure ‘a voglia te vene.
Quann ‘a cerevella dice che nun è cosa,
manco ‘o tiempo truovo, ti sfastirie pe’ tutte ‘e cose e nun t’arriesce manco poca cosa.
(Padre Tommaso Maisto)-Pime

O TIEMP N’ABBASTA MAI

Ci sta chi vulesse fa quacosa ma ‘o tiempo nun o trova,
e chi ‘o tiempo o tene e putesse ancora fa qualcosa,
ma nun tene voglia ‘e fa nisciuna cosa.
All’urdem arriva ‘o tiempo che vulisse fà tanto, ma ‘o tiempo nun è tanto.
‘O tiempo che p’o bene spennimmo,chell c’ trovammo e
‘o tiempo che sulo pe’ nui ce tenimmo,
sempe cchiù poco ce pare e mai ci abbasta,
suffrimmo pecché sempe cchiù curto ‘o verimmo.
All’urdeme ci accurgimmo che,’o tiempo ca cu nuji ce purtammo
è sulo chello che po’ bene imma spiso pecché ‘mmano ‘a Dio l’imma miso.
(Padre Tommaso Maisto)-Pime

L’ANNI E I CAPILLI JANCHI

L’esperienza accucchiata pe’tant’anni
e e’ capilli janche pe’ segno ‘e riconoscimento
quante suddisfazioni me stanno danno!
mò capisco cchiù facilmente
addò sta o’ bene averamente.
A cosa bella che l’esperienza m’ha ‘nsignata è chesta:
pe cagnà ‘o munno aggia accumincià a me stesso,
e primma ‘e m ‘mpignà pe’ cagnà quaccosa
o pe’ curreggere ‘a qualcuno
aggio ‘a sturià buono commo pozzo fa stu’ passo
senza sbaglià mossa.
Curriggenno aspramente,
scasso sulamente ma nun acconcio niente
e scavo nu fuosso, che addivenne sempe cchiù gruosso.
Meglio ‘e vote a lassà ’e cose commo stanno,
ma quanti pizzichi ‘ncoppa ‘a panza ce vonno.
C’a pacienza e a Grazia soia pure o brutto po’ addeventà bello.
Cull’esperienza e cu ‘e capilli janche pure chesso stong capenne.
(Padre Tommaso Maisto)Pime

CHELLO CH’IMMA AVUTO

“Tutto chell che simm e tutt ‘o che tenimm
Dio a pi Iss ce la rat’ senza che L cercass’m niente,
pure chell che, abbisugnamm jiuon pe jiurn è a Dio che l’avimm.
A chi na cosa, a chi n’ata,
ognuno tutt ‘e jiuorn ave quaccosa.
Pochi son contient e ringraziano pe chell c’hanno avuto.
Ci sta chi, gurdannose ‘nto specchio,
cu tanti anni ncopp ‘e spall, s’appucuntrisc
pecché cierte cose nun ‘e capisce:
chi s’allammenta c’ha avuto poco,e chi ha avuto matant
manco è cuntient, ha passata na vita sulo accucchiann sord,
senz che teness ‘tiemp pe spennere tutt quant.
A me m’ha dat tanto e all’urdm pure ‘a ionta stong avenn:
m’ha rat‘e capilli jank‘ pé segno ‘e riconoscimento,
pecché quanno quaccosa nun m’arriesce, o mi rimbambisco,”
chi me guarda, m’arricunosce’e me cumpatisce.
Mò che tengo pure l’anni,a chill cchiù piccirilli
e capisco cchiù facilmente e ‘chill cchjù vicchiariell e cumpatisco assai cchiù e primma.
(Padre Tommaso Maisto)Pime
scroll to top